Geflüchtete und Migrierende im Hafen von Mytilene
Geflüchtete und Migrierende im Hafen von Mytilene

Più vie di fuga sicure verso la Svizzera

Documento di posizione di Caritas

Sempre più persone nel mondo sono in fuga. I Paesi confinanti con le aree di conflitto, che accolgono gran parte dei rifugiati, sono particolarmente sollecitati. Questi Paesi spesso vivono anch’essi situazioni politiche ed economiche difficili. Per aiutarli, ma anche per porre fine alle tragedie e ai pericoli che i profughi incontrano sulle vie di fuga, occorre pertanto rendere queste ultime più sicure.

Con il Patto globale sui rifugiati, l’ONU ha dato un segnale importante, dimostrando che la tutela delle persone in fuga va affrontata congiuntamente a livello internazionale e che urge più solidarietà tra
i Paesi membri. La Svizzera è firmataria del Patto dell’ONU sui rifugiati e dispone di vari strumenti in grado di consentire ai soggetti in fuga di entrare nel nostro Paese in tutta sicurezza. Tuttavia, sono poche le persone che ne possono beneficiare, poiché l’accesso viene limitato da notevoli ostacoli burocratici, condizioni troppo restrittive e leggi rigide. La Svizzera deve fare di più, affinché più persone in fuga possano raggiungere in sicurezza il territorio elvetico.

Ulteriori tema

Contatto

Michael Egli

Responsabile Servizio Politica migratoria

+41 41 419 22 03megli@caritas.ch

Immagine principale: Al porto di Mitilene © Lefteris Partsalis