Svizzera

Rappresentanza legale per richiedenti asilo nella nuova procedura accelerata

Il 1° marzo 2019 è entrata in vigore la legge sull’asilo riveduta. La nuova procedura d’asilo accelerata prevede una rappresentanza legale gratuita per i richiedenti asilo dal primo giorno dal loro arrivo in Svizzera. La Confederazione ha incaricato Caritas Svizzera a espletare questo compito nella Svizzera romanda e, in collaborazione con l’organizzazione SOS Ticino, in Ticino e nella Svizzera centrale.

 

Dopo una fase pilota nel Canton Zurigo e nella Svizzera romanda, da marzo 2019 la procedura d’asilo accelerata e decentralizzata viene applicata in tutta la Svizzera. Tutte le tappe della procedura si svolgeranno in un unico luogo, ossia in uno dei centri federali d’asilo. I richiedenti asilo saranno attribuiti ai Cantoni solo nell’ambito di una procedura ampliata.

Informazione, consulenza, rappresentanza

Con la procedura accelerata, ogni persona richiedente asilo ha diritto, a titolo gratuito, a essere affiancata da un rappresentante legale e da un consulente subito dopo l’arrivo in uno dei centri federali d’asilo. Entrambe le figure accompagnano il o la richiedente asilo durante l’intera procedura. Forniscono informazioni sui diritti e gli obblighi e fungono da rappresentanti della persona richiedente asilo.

I consulenti e i rappresentanti legali sono obbligati ad agire senza pregiudizi, a rispettare la dignità della persona richiedente asilo e a mantenere una posizione neutrale nei confronti delle questioni concernenti l’asilo politico e la religione. Lo scopo è rappresentare i richiedenti asilo in modo equilibrato ed efficace nonostante l’accelerazione della procedura.

Caritas Svizzera assume l’incarico nella Svizzera romanda e in Ticino/Svizzera centrale

La Confederazione ha affidato l’incarico di consulenza e rappresentanza legale a Caritas Svizzera in due delle sei regioni procedurali:

  • Nella regione Svizzera romanda Caritas continua il mandato ricoperto già nel progetto pilota intercantonale in Romandia nei centri di Boudry (NE), Giffers (FR), Vallorbe (VD) e l’aeroporto di Ginevra. Caritas Svizzera ha la piena responsabilità. È competente per la rappresentanza legale, il coordinamento generale e la responsabilità specializzata. L’Unione svizzera dei comitati ebraici di assistenza ai rifugiati (VSJF) gestisce la consulenza, mentre il controllo della qualità e la formazione di base e quella continua dei collaboratori sono gestiti dall’Organizzazione svizzera di aiuto ai rifugiati (OSAR).
  • Nella regione Ticino e Svizzera centrale la consulenza e la rappresentanza legale sono di competenza dell’organizzazione SOS Ticino, in collaborazione con Caritas Svizzera. Caritas Svizzera è responsabile del centro di Glaubenberg (OW), mentre SOS Ticino assume la rappresentanza nel Centro di registrazione e procedura (CRP) di Chiasso (TI).
 

La sua donazione