Aiuti d'emergenza dopo il terremoto in Albania

Caritas sostiene le vittime del grave terremoto che ha colpito l’Albania. L’organizzazione umanitaria ha garantito un contributo di 500 000 franchi e assiste Caritas Albania, già intervenuta prontamente dopo il sisma per prestare i primi soccorsi.

 

Detriti ovunque, decine di morti e quasi 100 feriti: il terremoto del 26 novembre e le numerose scosse di assestamento hanno lasciato dietro di sé una scia di devastazione nella regione costiera albanese.

Il sisma ha sorpreso la popolazione nel cuore della notte lasciando gli oltre 100 000 abitanti della città di Durazzo completamente al buio. «Solo all’alba abbiamo potuto constatare la reale gravità dei danni. Ci sono tantissimi feriti», riferisce Antonio Leuci, direttore del nostro partner Caritas Albania. Non è ancora possibile quantificare l’entità della tragedia.

Centinaia di edifici sono crollati o non sono più agibili. Particolarmente colpita è la popolazione più povera, le cui abitazioni, in condizioni precarie già prima della catastrofe, hanno retto malamente le violenti scosse del terremoto. La situazione per le vittime è drammatica: hanno perso la casa con tutti i loro averi. «Molte persone sono ancora sotto schock», racconta Vera Haag Arbenz, collaboratrice di Caritas Svizzera, giunta sul posto il 28 novembre. «Regna una grande incertezza tra la gente.» La situazione è ulteriormente aggravata dalle numerose scosse di assestamento. Le persone colpite non possono tornare nelle loro case a causa del pericolo di crolli. E l’inverno è alle porte.

 

La sua donazione

 
 
[Übersetzen auf Italian] Ersatzinhalt-Startseite-Standard-DE
 
 

Caritas Svizzera
Adligenswilerstrasse 15
Casella postale
CH-6002 Lucerna

 

PC 60-7000-4
IBAN CH69 0900 0000 6000 7000 4
Le donazioni possono essere detratte dalle tasse.